Home > attività > Museo dell’Ara Pacis
museo ara pacis a roma

Museo dell’Ara Pacis

Visitare l’Ara Pacis Augustae, significa ripercorrere tutte le gesta di Augusto compiute tra il 16 e il 13 a.C, divenute poi il suo testamento spirituale da tramandare ai posteri. Oggi, negli orari di apertura, il museo nel suo spazio espositivo ospita di volta in volta una mostra diversa tutta da gustare.

Per far visita all’ Ara Pacis, puoi scegliere diverse opzioni di trasporto pubblico. Essa si trova nel centro di Roma, sul Lungotevere, tra Palazzo Borghese e Piazza del Popolo. Scopriamo insieme come arrivare nel minor tempo possibile.

In metropolitana prendendo la linea A, puoi scendere alla fermata di Piazza di Spagna e continuare a piedi per Via Condotti fino a raggiungere il lungotevere. Oppure, puoi fermarti alla Stazione Flaminio, proseguire a piedi fino a Piazza del Popolo e poi proseguire per Via di Ripetta.

In alternativa, è possibile fare il tragitto su uno dei numerosi autobus che possono lasciarti in zona. Ti consigliamo in questo caso di consultare gli orari e le linee disponibili in base alla tua zona di partenza.

Altro aspetto importante, è quello che riguarda le informazioni relative all’acquisto dei biglietti e i loro prezzi. Il nostro suggerimento è quello di comprarli in anticipo on-line, sia che si tratti di un ingresso gratuito che di una visita guidata. Questo per far si che tu possa saltare la fila all’entrata ed evitare le lunghe attese.

Una volta giunto all’interno ammirare il grande Altare, un monumento celebrativo di massimo pregio che riassume efficacemente lo stile che caratterizzò tutta l’arte augustea.

Secondo le fonti più autorevoli in materia, l’Ara Pacis fu costruita su ordine di Augusto nel 9 a.C. con l’intenzione di dedicare un monumento alla cosiddetta “Pax Romana”. Quindi un vero e proprio simbolo di pace, la stessa che aveva ottenuto il 4 luglio del 13 a.C. con la Spagna e la Gallia meridionale dopo essersi impegnato per diverso tempo.

Fu proprio questo il motivo che spinse il Senato ad esporre l’altare, fu un vero e proprio rituale celebrativo per il raggiungimento di questo grandioso obiettivo.

Quello che è arrivato a noi oggi è il frutto di una ricostruzione basata su fonti e studi riguardanti le monete romane. Per ciò che concerne la sua architettura, è evidente la commistione di stili: i fregi delle processioni riprendono chiaramente l’arte greca classica; nel fregio e nei pannelli emerge l’arte ellenistica, mentre il fregio dell’altare è di chiaro stampo romano. Le fonti principali avvalorano l’ipotesi per cui l’Ara Pacis venne realizzata da botteghe greche.

In tutto il suo insieme l’opera crea un grande impatto soprattutto dovuto alle sue notevoli dimensioni: l’altare è circondato da una spessa “cornice” marmorea lunga 11,65 metri, larga 10,62 e alta 3,68. Una rampa consente l’accesso alla porta anteriore della struttura.

La parte interna delle pareti è adornata con delle ghirlande, mentre quella esterna è divisa in due: partendo dall’alto troverai dei bassorilievi che rappresentano delle figure allegoriche; in basso invece sono raffigurate delle forme vegetali.

Proseguendo nelle pareti laterali, Augusto è ritratto durante lo svolgimento del corteo per l’inaugurazione dell’ Ara Pacis, insieme alla sua famiglia. Sulla facciata e nella parte anteriore dell’opera ci sono quattro bassorilievi.

Quello più significativo, racconta il ritrovamento di Romolo e Remo e vuole rimarcare in maniera chiara le origini nobili dell’imperatore, quale discendente di coloro che hanno fondato la città di Roma.

Un messaggio molto chiaro infine proviene dalla donna seduta sulle armi e che rappresenta la Città Eterna. È raffigurata ai lati dell’ingresso quale garante della pace e simboleggia la fine delle guerre.

Contatti

Attività: Museo dell'Ara Pacis
Indirizzo: Lungotevere in Augusta, 00186 Roma (Rm)
Zona: Centro storico
Metro vicina: Lepanto (Linea A)

Non è possibile conoscere fino in fondo la storia di Roma, senza aver visitato questo monumento perchè:

  • Non solo è un’opera straordinaria, ma il museo stesso si integra perfettamente con l’ambiente circostante.
  • L’Ara Pacis è un monumento importantissimo che racconta tantissimo della vita d’antica Roma.
  • Gli ampi spazi e l’affluenza di persone non troppo elevata ti permetteranno di fare una pausa tranquilla durante le faticose giornate romane.
  • Quando entrerai nel museo sarai avvolto da una luce meravigliosa e da un silenzio utile a rilassarsi dopo essere stati immersi nel traffico cittadino.
  • Grazie a dei visori per la realtà aumentata, è possibile gustarsi la ricostruzione dell’aspetto originario del monumento in un modo sorprendente.

L’Ara Pacis racconta la religione, la politica e la morale di Ottaviano Augusto e può essere visitata in ogni periodo dell’anno.

  • Estate: Ti consigliamo di fare visita a questo monumento nelle ore del tardo pomeriggio o sera a causa delle alte temperature del periodo.
  • Inverno: È sempre meglio portare con sé giacca e ombrello in caso di pioggia.
  • Autunno: È l’ideale per una visita al mattino o nel primo pomeriggio.
  • Primavera: Ideale per una passeggiata all’ora del tramonto e per godere di un’atmosfera particolare.
  • Ara Pacis ha due storie: una, che precede il momento in cui sprofonda nella terra e un’altra, dopo il suo ritrovamento.
  • Se si decide di muoversi in macchina, il nostro consiglio è quello di informarti in
    anticipo sui parcheggi limitrofi.
  • In origine l’Ara sorgeva con molta probabilità nel campo Marzio accanto all’orologio solare fatto costruire da Augusto.
  • La nuova costruzione dell’Ara Pacis è stata inaugurata solo nel 2006, dopo 10 anni di lavori.
  • Il marmo Travertino utilizzato nella seconda costruzione è stato estratto dalle stesse cave da cui è stato estratto quello impiegato negli anni ‘30 per la creazione dell’adiacente Piazza Augusto Imperatore.

Come arrivare al museo dell`ara pacis

ATTRAZIONI NELLE VICINANZE

  • • Piazza del Popolo: 600 m
  • • Piazza Cavour: 700 m
  • • Piazza di Spagna : 750 m
  • • Piazza Navona: 850 m
Ebook Luoghi Segreti Roma
Scopri subito la Guida sui Luoghi Segreti di Roma Clicca qui!
Hello. Add your message here.