Home > attività > Fontana dei Cavalli Marini
fontana dei cavalli marini a roma

Fontana dei Cavalli Marini

Scopri come visitare la Fontana dei Cavalli Marini

Visitare la Fontana dei Cavalli Marini ti porterà a passeggio nel parco più grande di Roma: Villa Borghese. Una vasta zona verde ricca anch’essa di reperti storici tutti da scoprire. Al suo interno ci sono numerosi monumenti di Roma talvolta sconosciuti agli stessi romani. Come arrivare qui?

La Fontana che da anche il nome al Viale dei Cavalli Marini si trova a nord-est del centro della città e ci sono diverse linee autobus che fermano nelle immediate vicinanze di Galleria Borghese. Da qui è possibile procedere a piedi seguendo le indicazioni nel parco, oppure facendosi aiutare da una mappa.

Un’ alternativa sempre “a cielo aperto” è il tram che offre durante il tragitto un tour ed un’esperienza particolare della Capitale nonostante ti lascerà un po’ più distante rispetto alla zona di ingresso. Quindi se hai deciso di fare una bella passeggiata, occorrerà scendere al Museo di Arte Moderna e proseguire raggiungendo Galleria Borghese.

In metropolitana invece, puoi scendere a Piazza di Spagna e seguire le indicazioni per Villa Borghese. Anche in questo caso si tratterà di fare una piacevole camminata di circa 15 minuti per arrivare a destinazione.

Villa Borghese è uno dei parchi della Città Eterna più frequentati e conosciuti. Ideale per passare qualche ora in mezzo al verde, per riposarsi o per andare alla ricerca di antichi reperti e meraviglie che fanno parte della storia della Capitale.

Situata nell’omonimo viale, la Fontana dei Cavalli Marini fu progettata dal pittore Cristoforo Unterperger e poi realizzata dallo scultore Vincenzo Pacetti intorno alla fine del ‘700, tra il 1790 e il 1791. Commissionata da Marcantonio IV Borghese, il quale già nel 1766 aveva avviato dei lavori di abbellimento della Villa, fu curata nelle parti che la compongono da diversi artisti.

A tal proposito, i cavalli sono opera di Luigi Salimei ad eccezione delle code e delle ali che invece furono scolpite dalla mano di Antonio Isopi, autore del sostegno centrale. Quanto alla vasca, questa fu interamente realizzata da Giovanni Antonio Bertè.

La fontana vede un gruppo di quattro cavalli marini posti al centro di una vasca circolare che paiono sorreggere con il capo e con le code un’altra vasca dalle dimensioni più ridotte. Da qui si erge una colonna di foglie d’acanto dalla quale fuoriesce il getto d’acqua principale.

Anche la vasca superiore è adornata di foglie d’acanto. Al suo interno ritroviamo un’altra colonna che funge da sostegno, mentre tra le zampe e le code dei cavalli sgorgano altre fonti d’acqua in maniera omogenea.

Interessante anche l’allegoria che scaturisce dalla figura dei cavalli marini. L’ippocampo è un centauro marino, metà pesce e metà cavallo, che nel suo significato simbolico esprime forza e vigore.

La parte inferiore del corpo che riprende le sembianze di un serpente fa riferimento alle sirene, creature che vivono nei fondali marini. Esse accolgono i defunti alleggerendo loro il trapasso utilizzando le loro capacità seduttive e ammaliatrici.

La presenza delle ali invece ricorda Pegaso, il cavallo alato. Quando Poseidone con il suo tridente colpisce la roccia dell’Acropoli per farla sua, i cavalli marini sbucano fuori dalla terra.

Contatti

Attività: Fontana dei Cavalli Marini
Indirizzo: Viale dei Cavalli Marini, 00197 Roma Rm
Zona: Centro storico
Metro vicina: Spagna (Linea A)

La fontana dei Cavalli Marini è una meraviglia immersa nel verde di uno dei parchi più gettonati di Roma. Per questo il nostro consiglio è quello di prenderti del tempo per visitarla perché:

  • Villa Borghese è una valida alternativa al traffico cittadino, ma anche un’occasione per approfondire l’arte e la storia che caratterizzano la città eterna.
  • L’espressività dei cavalli le conferisce a questa fontana un fascino molto particolare.
  • E’ una location ideale per una pausa pranzo o per qualche ora di relax da trascorrere immersi nella natura. Ottima meta anche se ami meditare ed hai bisogno di isolarti dal rumore cittadino.
  • Se con te ci sono dei bambini è un valido compromesso per poter continuare il tuo tour alla scoperta di reperti storici dell’antica Roma e far giocare i tuoi figli in un luogo sicuro chiuso al traffico.
  • La fontana dei Cavalli Marini è una delle opere di Cristoforo Unterperger, grande pittore italiano di fine settecento che ottenne numerose commissioni prestigiose.

La Fontana dei Cavalli Marini merita di essere visitata in ogni stagione perché si
può godere di diverse atmosfere in base al periodo dell’anno.

  • Estate: Consigliabile la visita nelle ore del tardo pomeriggio o sera a causa delle
    alte temperature del periodo.
  • Inverno: Ideale per un pranzo in compagnia e ammirando la Fontana insieme alla splendido parco in cui si trova.
  • Autunno: Un’ottima idea per trascorrere il pomeriggio ed ammirare questa celebre opera.
  • Primavera: Le temperature iniziano a scaldarsi ed è un’ottima meta anche per trascorrere una giornata insieme ai bambini che possono giocare nel parco.
  • La prenotazione di una guida o di un audio guida renderà la tua visita più interessante ed approfondita.
  • Se si decide di muoversi in macchina, il nostro consiglio è quello di informarti in anticipo sui parcheggi limitrofi.
  • Nella mitologia, l’ippocampo è simbolo di forza e vitalità.
  • Durante la stagione invernale, ti consigliamo di portare con te un ombrello in caso di pioggia.
  • La fontana è posta al centro di un quadrivio che sfocia nel Piazzale dei Cavalli Marini.

Come arrivare alla fontana dei Cavalli Marini

ATTRAZIONI NELLE VICINANZE

  • • Galleria Borghese: 350 m
  • • Terrazza del Pincio: 950 m
Ebook Luoghi Segreti Roma
Scopri subito la Guida sui Luoghi Segreti di Roma Clicca qui!
Hello. Add your message here.